11.05
2015
miniatura
Percorrendo il sentiero del dolce-amaro e facendo qualche deviazione per buttare un occhio alle storture della vita in generale e della società contemporanea in particolare, Chi manda le onde viaggia più lentamente di quanto sarebbe auspicabile. L’impressione a bordo è che il pilota, per portarci a destinazione, abbia scelto la strada più lunga, tortuosa e sconnessa possibile. Nonostante la scrittura leggera e la naturale propensione all’ironia di Fabio Genovesi, infatti,…

Proleterka di Fleur Jaeggy

di Silvana Arrighi, in Letture

“Una vita assente, o una non esistenza, può durare a lungo. É un’anomalia?” Pubblicato per la prima volta nel 2001 per le Edizioni Fabula di Adelphi, questo breve romanzo di Fleur Jaeggy  è stato riproposto ne Gli Adelphi nel 2014&hellip

6.05.2015 Commenta

Nel mondo a venire di Ben Lerner

di Danilo Cucuzzo, in Letture

«Diciamo che fu lì che decisi di sostituire il libro che avevo proposto all’editore con il libro che state leggendo ora, un’opera che, come un poema, non è una storia vera né di fantasia, ma un guizzare fra le due&hellip

27.04.2015 Commenta

L’invenzione della madre di Marco Peano

di Danilo Cucuzzo, in Letture

Nella vita di Mattia, la malattia è stata pressoché una costante. La madre è stata più volte attaccata dal cancro, più volte ricoverata, operata e restituita alla vita. Quando Mattia ha ventisei anni – ovverosia un’età in bilico fra la&hellip

14.04.2015 Commenta

La tregua di Mario Benedetti

di Silvana Arrighi, in Letture

“Lo chiamo l’intervallo. Non è facile da descrivere: un’ondata di gioia e allo stesso tempo una lacerazione“. Yannick Haenel. Edito in Uruguay nel 1960, tradotto in una ventina di lingue nel mondo e più volte adattato per il teatro, il&hellip

9.04.2015 1 Commento

Una morte in famiglia di James Agee

di Danilo Cucuzzo, in Letture

Vincitore del Pulitzer nel 1958, Una morte in famiglia è il romanzo autobiografico con il quale James Agee ricorda e rielabora l’evento più tragico della sua infanzia: la morte del padre. Raccontando da più punti di vista le ore immediatamente&hellip

3.04.2015 Commenta

Revival di Stephen King

di Enzo Baranelli, in Letture

“Stephen King è uno scrittore americano, prima di essere un maestro dell’orrore: ci sono buone ragioni di ritenere che il Grande Romanzo Americano del XX secolo, cercato, voluto, preteso, individuato, l’abbia scritto lui, con It“. Antonio Faeti, La casa sull’albero,&hellip

29.03.2015 Commenta

  • La cosa più incredibile di Christian Frascella

    11.03.2015, di Enzo Baranelli

    Che da persona arguta a romanziere / il passo non sia breve, è cosa nota. / Lasciate ogni speranza e anche il libretto: / Frascella fece fiasco anche con questo / suo ultimo romanzo che non dico / perché è solo un (t)riciclo arrugginito. Christian Frascella, “La cosa più incredibile“, pp. 285, 14,90 €, Salani, 2015. Giudizio: 1/5   (0)
  • I Middlestein di Jami Attenberg

    3.09.2014, di Chiara Condò

    Ritratto di famiglia ebrea americana con interno. E se la matriarca è difettosa, tutta la tribù ne condivide inevitabilmente il destino malato. I Middlestein, dove ipocrisia e bulimia convivono non troppo felicemente: romanzo sopravvalutato a causa di un passaparola decisamente infettivo. Meglio cercare altro nel magistrale catalogo della Giuntina.
    Giudizio: 3/5 (6)
  • 2041 di David Becchetti

    18.06.2014, di Enzo Baranelli

    Narrazione impersonale e noiosa. Una distopia fantapolitica spiegata malissimo: un misto di  fascismo con struttura sovrastatale (Europa versus resto del mondo, ma non si capisce nulla; tranquilli). Trama risibile. Stile da tema di terza media. Un libro da gettare dalla finestra sperando di centrare in testa un grillino o un fascista. Giudizio: 0/5 (1)
  • Giudizi Universali

Altri post