Cabaret Bisanzio, laboratorio di finzioni > Letture > Harvard Square di André Aciman

Harvard Square di André Aciman

di Enzo Baranelli

cop-AcimanBrillante e con una tenuta stilistica ottima, André Aciman propone con il suo ultimo romanzo, “Harvard Square” (pp. 322, 18,50 €, Guanda), una rappresentazione dell’estate di un dottorando in letteratura inglese nella prestigiosa università di Cambridge nel Massachussets. Come l’autore, anche il protagonista è originario di Alessandria d’Egitto e ed è stato ad Harvard per un dottorato. Finzione e realtà mescolate con una nostalgica saggezza riportano il lettore nel 1977, anno in cui si svolgono i fatti narrati. L’incontro con un tassista tunisino, soprannominato Kalaj da kalashnikov per l’esuberanza del’eloquio, renderà l’estate ancora più calda per l’io narrante. André Aciman unisce l’autobiografia e la fiction (che è l’ingrediente principale) realizzando sulla carta le sue fantasie di ragazzo. Il protagonista e Kalaj avranno avventure sentimentali di forte impatto emotivo. La distruzione delle speranze di ottenere una green card, un divorzio, il flirt con la vicina quasi sposata, la sospensione della patente, le notti in bianco, lo studio forsennato della letteratura del Seicento per superare gli esami finali, l’alcol e il caffè sono gli ingredienti di un romanzo dove dialoghi a volte surreali si uniscono a una finzione letteraria carica di tensione ed empatia. Mai Aciman aveva scritto un romanzo così coinvolgente e con uno stile unico: “Harvard Square” è un libro imperdibile per la freschezza delle invenzioni e per l’accuratezza nella ricostruzione di un anno magico per l’autore. Il solo paragone possibile, soprattutto per la scena in cui il tetto di un palazzo diventa protagonista di dialoghi e riflessioni, è con l’eccezionale romanzo di Geoff Dyer, “Brixton Bop” curato, nell’edizione italiana, dalla mano raffinatissima di Gianni Borgo fondatore, deceduto nel 2001, della Instar Libri. Guanda diretta da Luigi Brioschi, uno degli ultimi grandi personaggi dell’editoria italiana insieme a Calasso, cura alla perfezione con traduzione e grafica eleganti l’edizione di “Harvard Square” di André Aciman, eclettico scrittore poliglotta e con una formazione accademica che supera la semplice conoscenza di libri e autori del passato.

André Aciman, Harvard Square, pp. 322, 18,50 €, Guanda

Giudizio: 4/5


13.08.2014 Commenta Feed Stampa